Salti Estinti e altre storie mitologiche.. #pattinaggio

L’estinzione è un fenomeno che colpisce, ahimé, anche il pattinaggio. Ci sono alcune specie di difficoltà che, per la loro natura debole, non resistono all’evoluzione della specie e, come i dinosauri, sono destinate ad estinguersi.

estinto
Andiamo indietro nel tempo, a ciò che possiamo ricordare a memoria d’uomo….
C’era una volta, un salto, non si sa se reale o mitologico, che si chiamava Axel Interno! Si racconta che somigliasse molto ad un rittberger di un giro e mezzo con partenza all’avanti. Se ne avvistavano pochissimi esemplari, poi, verso la fine degli anni Ottanta, si è estinto, a causa dell’eccessiva bruttezza e inutilità.

Questo è stato il destino anche della trottola Interna Avanti verticale: da molti considerata del tutto superflua, perché esteticamente simile all’Interna Indietro, però più sgraziata, e con una preparazione dall’ingresso incerto, che non permetteva troppa velocità. Insomma, un essere vivente di troppo sul pianeta pattinaggio artistico. Il suo filo allucinante non ha avuto successo neanche tra le trottole abbassate e le angelo.

Veniamo a parlare ora di due creature che non si sono proprio estinte, ma hanno subito in modo evidente il pesante processo della selezione naturale. Il primo è lo Stella. Sostanzialmente un Salchow staccato senza l’aiuto del freno; per cui più difficile, ma visivamente uguale. Ancora adesso qualche esemplare viene presentato in gara: senza una motivazione valida, visto che non è neanche più contemplato dai regolamenti, resta un espediente per lasciare interdetta la giuria che, alla fine, gli concede il valore di un Salchow ben fatto. Qualcuno si sorprende che rischi l’estinzione definitiva?

Infine, nel nostro elenco, possiamo far rientrare anche il Ritt con la partenza all’Americana. Per chi non l’avesse mai visto, si tratta di un ritt con una partenza in vite, che poi viene sganciata prima dello stacco del salto. Nato e morto tra gli anni ’80 e ’90, cioè nel periodo in cui gli Americani pensavano di poterci insegnare a pattinare… poi fortunatamente sono intervenuti gli Italiani e hanno ucciso senza pietà questa preparazione inutile e dannosa per la specie Rittberger. Ad oggi possiamo affermare che il Ritt è salvo, nonostante subisca attacchi continui e costanti dal Loop, ma solo nella sua versione di triplo.

Il nostro documento scientifico termina qui, per adesso. Se voi lettori avete ancora tracce di “bestie” estinte o in estinzione, potete segnalarcele e ci adopereremo per sterminarle del tutto nel più breve tempo possibile!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Salti Estinti e altre storie mitologiche.. #pattinaggio

  1. giorgio ha detto:

    ancora si discute se lo stella sia esistito davvero… un mio caro amico (capace di fare tripli) durante una discussione tirai fuori la storia dello stella. E lui ingenuamente: ma non è un salchow? abbiamo dicusso un po’ e la cosa finì li. Io anche ero a conoscenza che fosse un salchow staccato dalle ruote ma la discussione finì così com’era iniziata. Le mie conoscenze paleontologiche allora non sono poi così vecchie….
    Conto di creare la fondazione “stella” con lo scopo di assegnare “la palma dell’inutilità” a queste strane forme di vita ormai perdute

    PS: lo stella lo faccio quando sbaglio il doppio salchow! (problemi!?!) ahhahahaha 😀

    Liked by 1 persona

    • skating club ha detto:

      Io concordo pienamente sull’inutilità dello Stella! In fin dei conti si tratta di volersi complicare la vita per forza… ma, ahimé, caro amico, io sono una di coloro ai quali lo Stella fu insegnato!! E così dovemmo imparare di nuovo il Salchow in sede di “doppio”………….

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...